storia del corpo

Il Corpo della Polizia Municipale di Catanzaro viene costituito con deliberazione del Consiglio Comunale il 19 novembre 1872.
Il Ministro dell’Interno il 30 giugno 1873 approva il “Regolamento del Corpo delle Guardie Municipali della Città di Catanzaro”, all’epoca composto da 18 unità e retto dal Comandante Carlo Borrello, già Ufficiale dei Carabinieri Reali.

 

La Bandiera del Corpo è fregiata di due medaglie d’oro al valor civile.

La prima è stata concessa in seguito ad un triste evento che nel 1986 sconvolse l’intera Città. Il 24 dicembre 1986 il Vigile Urbano Giuseppe Rattà, cadde nell’adempimento del proprio dovere, affrontando coraggiosamente un rapinatore in fuga che, a seguito di uno scontro a fuoco, lo colpì mortalmente. Mentre cadeva stramazzante al suolo riuscì comunque a sparare, con la propria pistola d’ordinanza, uccidendo il malvivente.

La seconda medaglia d’oro è stata concessa nell’anno 2011 per gli eventi calamitosi che hanno colpito il quartiere diJanò nel febbraio del 2010, dove a seguito delle avverse condizioni atmosferiche con conseguente movimento franoso di tutta la zona, si è dovuto procedere alla messa in sicurezza ed evacuazione di 96 famiglie per un totale di 346 persone.

L’attuale Corpo della Polizia Municipale di Catanzaro è composto da complessivi n. 64 unità, di cui un Comandante, un Vice Comandante, n. 7 Ufficiali, n. 9 Sottufficiali e n. 46 agenti, registrando attualmente il 50 % della carenza organica.